LA VENERE CAPITOLINA AI MUSEI CAPITOLINI

#artiebellezzeitaliane
Photo by Massimo Gaudio
Venere capitolina - Musei Capitolini - Roma
La Venere Capitolina è di sicuro il biglietto da visita per i Musei Capitolini di Roma. La scultura in marmo, è una variante della statua di Afrodite creata da Prassitele nel IV sec. a.C. La scultura fu rinvenuta nascosta dietro un muro, forse per proteggerla da un imminente pericolo nei pressi della chiesa di San Vitale, tra i colli del Quirinale e quello del Viminale tra il 1667 ed il 1670. Fu donata da papa Benedetto XIV ai Musei Capitolini nel 1752. Nel secolo scorso, all'interno del Palazzo Nuovo (nella Piazza del campidoglio è il palazzo a sinistra guardando il Campidoglio) e più precisamente al primo piano, è stata costruita una sala di forma ottagonale allo scopo di contenerla che prende il nome di Gabinetto della Venere. La Venere Capitolina è posta su un piedistallo, è nuda ed è ritratta in un gesto sensuale ma allo stesso tempo pudico, con le braccia che tentano di coprire le parti intime. In terra, accanto alla dea, si trovano un'anfora con sopra una stoffa. I capelli sono raccolti il che fa pensare che si stia preparando al bagno lustrale delle divinità.






Commenti

Post più popolari