Passa ai contenuti principali

In primo piano

Negretti Jacopo detto Jacopo Palma il Vecchio alla Galleria Borghese

#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Negretti Jacopo detto Jacopo Palma il Vecchio , Sacra Conversazione con le sante Barbara e Cristina e due devoti (1510-1520) Il dipinto è sicuramente rintracciabile negli inventari solo a partire dal fidecommisso del 1833. Il soggetto della tela, comunemente definito ‘Sacra conversazione’, sarà particolarmente gradito alla committenza privata, tanto da avere uno straordinario successo nel secolo XVI. Ai lati della Vergine, assisa su un trono dal basamento scolpito, sono inginocchiati i due committenti del quadro, rispettivamente presentati a sinistra da santa Barbara, identificabile per l’attributo della torre, e a destra da santa Cristina, che reca sotto il braccio la pietra da macina del martirio. (testo tratto dal sito della Galleria Borghese) Autore: Negretti Jacopo detto Jacopo Palma il Vecchio (Serina 1480 - Venezia 1528) Titolo: Sacra Conversazione con le sante Barbara e Cristina e due devoti Datazione:

LORENZO LOTTO ED IL MATRIMONIO MISTICO DI SANTA CATERINA D'ALESSANDRIA

Photo by Massimo Gaudio

Lorenzo Lotto, Matrimonio mistico di Santa Caterina d'Alessandria (1524) - Palazzo Barberini - Roma

Alla Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma, è esposto un dipinto del pittore veneto Lorenzo Lotto (Venezia 1480 - Loreto 1556) dal titolo Matrimonio mistico di Santa Caterina d'Alessandria realizzato nel 1524. Nell'olio su tela che misura 98 x 115 cm, si vede la Vergine Maria col Bambino sul grembo seduta su di un trono circondata a sinistra in basso da san Girolamo con sotto di lui il leone ammaestrato. Sopra di lui c'è san Giorgio con indosso l'armatura, dietro il trono c'è san Sebastiano trafitto da una freccia e a destra della scena troviamo sant'Antonio abate e san Nicola di Bari. La santa invece si trova in basso a destra, è inginocchiata ed allunga la mano verso il Bambino per ricevere una rosa, simbolo di amore e martirio.

Commenti