CARAVAGGIO E I CARAVAGGISTI NELLE NUOVE SALE DI PALAZZO BARBERINI (pt.2)

Photo by Massimo Gaudio
Galleria Nazionale d'Arte Antica, Palazzo Barberini - Roma
Con l'articolo di oggi continuiamo la visita nelle Sale della Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma, da poco riaperte al pubblico dopo un restyling nei mesi scorsi. Le Sale si trovano al primo piano nell'Ala nord, ma non tutte quante sono state riaperte. Quelle ancora chiuse riapriranno (e questa è un'anteprima) nel mese di Marzo. Nel frattempo ci accontentiamo di ammirare quelle attualmente aperte al pubblico che si vanno a sommare a quelle già ristrutturate ed aperte lo scorso Aprile nell'Ala sud, sempre sullo stesso piano.
Nello scorso articolo ho parlato delle prime due sale dedicate a Caravaggio e i suoi seguaci. La Sala 26 (Caravaggio 3) raccoglie al suo interno cinque dipinti. Cominciamo con Michelangelo Merisi detto Caravaggio (Milano 1566 - Porto Ercole 1610) dal titolo San Francesco in meditazione, un olio su tela del 1606. Di fianco alla sua sinistra nella stessa parete, si trova un'altro dipinto, un olio su tela che come il precedente riprende uno dei momenti della vita del santo eseguito da Orazio Gentileschi (Pisa 1563 - Londra 1639) tra il 1612 ed il 1613 dal titolo San francesco e l'angelo. Continuando in senso antiorario, troviamo nella parete di fianco il dipinto di uno degli artisti che più si avvicinava al modo di dipingere del maestro, il pittore lombardo Bartolomeo Manfredi (Ostiano 1582 - Roma 1622) che con un olio su tela realizzato negli ultimi anni della sua vita, ha voluto raffigurare Bacco con bevitore. A seguire troviamo un olio su tela dipinto di Bernardo Strozzi (Genova 1581 - Venezia 1644) dal titolo Elemosina di san Lorenzo (1615-1620) ed infine, nella parete accanto a sinistra, un'altro olio su tela del pittore senese Astolfo Petrazzi (Siena 1580 - 1653) dal titolo Amore vincitore.

Sala 26 (Caravaggio 3)


Sala 26 (Caravaggio 3)


Sala 26 (Caravaggio 3)

Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO, San Francesco in meditazione (1606) Olio su tela

Orazio Gentileschi, San Francesco sorretto dall'angelo (1612-1613) Olio su tela

Bartolomeo Manfredi, Bacco e un bevitore (1921-1922) Olio su tela
  
Bernardo Strozzi, Elemosina di san Lorenzo (1615-1620) Olio su tela

Astolfo Petrazzi, Amore vincitore (1625-1630) Olio su tela
Alla fine del percorso delle quattro Sale dedicate ai dipinti di Caravaggio e dei caravaggisti, troviamo una grande Sala espositiva che contiene al suo interno ben undici dipinti. E' stato possibile riunire così tanti dipinti grazie allo stand centrale frutto della ristrutturazione. A proposito della ristrutturazione, ho trovato molto interessante l'applicazione di didascalie contenenti i dati di riferimento ed una descrizione sia in italiano che in inglese sull'opera stessa.
Caravaggio con il suo stile per lo più drammatico nelle rappresentazioni scenografiche, coinvolse molti pittori dell'epoca sia in territorio italiano che straniero. Molti di essi fecero proprio quello stile modificandolo secondo le loro esigenze e crebbe la voglia di effettuare ritratti, rappresentazioni religiose, scene tratte dai libri sacri e molto altro ancora utilizzando la tecnica cosi detta a lume di candela, utilizzata in particolar modo dai pittori dei paesi del nord Europa. Alcuni di loro li ritroviamo nei dipinti esposti nella Sala come ad esempio Mathias Stomer (Paesi Bassi 1600 - Sicilia 1650) con il suo Sansone e Dalila del 1630, Hendrick Terbruggen (Paesi Bassi 1588 - 1629) con Il Concerto, un olio su tela del 1629, Michael Sweerts (Belgio 1618 - India 1664) con L'artista nel suo studio del 1650, Trophime Bigot (Francia 1579 - 1650) con San Girolamo un olio su tela del 1625. Ci sono ben tre grandi dipinti di un'altro pittore francese Valentin De Boulogne (Francia 1591 - Roma 1632). Il primo dei tre olio su tela si intitola Il giudizio di Salomone (1627-1630), il secondo si intitola La cacciata dei mercanti dal tempio (1618-1622) mentre il terzo è lo splendido capolavoro L'ultima cena (1625-1626).
Anche gli artisti italiani hanno all'interno della Sala il loro posto d'onore. Cominciamo con l'olio su tela Incoronazione di spine (1615) attribuito pittore bolognese Lionello Spada (Bologna 1576 - Parma 1622). L'altro italiano è Giovanni Serodine con San Pietro e san Paolo condotti al martirio realizzato tra il 1625 ed il 1626, a seguire troviamo un olio su tela intitolato Vanitas del pittore romano Angelo Caroselli (Roma 1585 - 1552) realizzato tra il 1620 ed il 1625.
Siamo arrivati all'ultimo dipinto, non perché sia meno importante degli altri, ma perché merita una adeguata riflessione. Visitando il museo nei tempi passati, ero convinto che il dipinto intitolato Allegoria della pittura, un olio su tela realizzato tra il 1630 ed il 1635, fosse del pittore francese Simon Vouet. Con mia somma meraviglia, nella didascalia attuale il dipinto è sotto il nome di Artemisia Gentileschi (Roma 1593 - Napoli 1653). Nel dipinto sono raffigurate due persone: una donna ed un uomo. La prima potrebbe essere identificata come Artemisia, mentre il secondo visto i tratti somatici potrebbe essere identificato come Simon. La prima dipinge il secondo, quindi la domanda è: il dipinto lo ha realizzato chi dipinge oppure lo ha realizzato chi viene ritratto?

Sala 27, Caravaggisti

Sala 27, Caravaggisti

Sala 27, Caravaggisti

Sala 27, Caravaggisti

Mathias Stomer, Sansone e Dalila (1630)

Hendrick Terbruggen, Il Concerto (1629) Olio su tela

Michael Sweerts, L'artista nel suo studio (1650)

Trophime Bigot, San Girolamo (1625) Olio su tela

Valentin De Boulogne, Il giudizio di Salomone (1627-1630) Olio su tela

Valentin De Boulogne, La cacciata dei mercanti dal tempio (1618-1622) Olio su tela

Valentin De Boulogne, Ultima cena (1625-1626) Olio su tela 2
Lionello Spada (?), Incoronazione di spine (1615) Olio su tela 2

Giovanni Serodine, San Pietro e san Paolo condotti al martirio (1625-1626) Olio su tela

Angelo Caroselli, Vanitas (1620-1625) Olio su tela

Artemisia Gentileschi (?), Allegoria della pittura 1630-1635) Olio su tela




Commenti

Post più popolari