Pietro da Cortona, Il Trionfo della Divina Provvidenza

Pietro Berrettini detto PIETRO DA CORTONA, Il Trionfo della Divina Provvidenza (1632-1639) - Palazzo Barberini - Roma


L’affresco fu realizzato in sette anni da Pietro da Cortona e allievi tra il 1632 e il 1639. L’immensa composizione celebra il potere spirituale e politico dei Barberini, attraverso una miriade di personaggi, più di cento, inseriti in uno spazio aperto, dilatato all’infinito, che supera i limiti imposti dall’architettura. Unica misura a cui si può ancorare l’occhio è il cornicione rettangolare, dipinto illusionisticamente in finto marmo, che divide la volta in 5 parti. Al centro siede, su un trono di nubi, la Divina Provvidenza che impugnando lo scettro comanda alla Fama di incoronare lo stemma della famiglia Barberini. Nei riquadri laterali, si affrontano volta a volta due principi contrapposti, i vizi e le virtù, il bene e il male: Minerva atterra i giganti, la Teologia e la Religione tengono lontane la lascivia e la dissolutezza, Ercole scaccia le avide Arpie, il Buongoverno bandisce la guerra e garantisce la pace.

Con la sua vorticosa vitalità, il suo ritmo frenetico, il suo scenografico illusionismo spaziale, l’affresco è uno dei più precoci e compiuti esempi della pittura barocca. (dal sito Palazzo Barberini)


Autore: Pietro Berrettini detto PIETRO DA CORTONA (Cortona 1597 - Roma1669)
Titolo: Il Trionfo della Divina Provvidenza
Supporto: Affresco
Anno: 1632 - 1639
Misure (cm.): -
Posizione: Palazzo Barberini
Località: Roma

Commenti

Post più popolari