Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Max e Francesco Morini

Marco Bigio, Le tre Parche a Palazzo Barberini

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Marco Bigio, Le tre Parche (1530-1540) Olio su tela, cm. 200 x 212 Un grande dipinto si fa notare all'interno della Sala 15 dedicata alla pittura senese a Palazzo Barberini. Si tratta di un'opera di Marco Bigio dal titolo Le tre Parche realizzato nel periodo che va da 1530 al 1540. Nel dipinto l'artista raffigura le figlie di Giove e Temi che rappresentano il destino degli uomini.  A rappresentare la nascita, a destra è stata raffigurata Cloto con un rocchetto di filo bianco: ovvero è colei che fa iniziare la vita. A sinistra di trova Lachesi  che stabilice la sorte e il destino intenta ad avvolgere un filo rosso, mentre al centro c'è Atropo che ha in mano una forbice pronta a tagliare il filo della vita, ma per farlo guarda i due amorini ai suoi piedi che estraggono a sorte il nome ci colui che deve morire inciso su delle medaglie di vari materiali, perché la natura umana è varia. Alle loro spalle ci sono vari persona

Guido Reni e San Michele Arcangelo

Immagine
Uno Sguardo alle Opere d'Arte citate nel Romanzo/Noir "Rosso Barocco" di Max e Francesco Morini.  A cura di Manuela Moschin In questo articolo vi parlo di uno straordinario romanzo/noir dalla trama elettrizzante e trascinante. Una scritta misteriosa, che compare nella cripta di San Carlino alle Quattro Fontane, costituisce l'inizio di un'intrigante storia ambientata a Roma dove vede protagonisti due grandi geni del passato: Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini.  Dalla rivalità dei due artisti ne esce un giallo poliziesco molto coinvolgente che guida il lettore negli angoli più suggestivi della città, dove antichi segreti si concatenano a fatti accaduti nell'epoca attuale.  Max  e  Francesco Morini , autori anche di  "Nero Caravaggio" , rendono ancora una volta la storia dell'arte protagonista assoluta. Il libro è ricchissimo di pillole di cultura che affascinano in ogni pagina. Gli autori non si limitano soltanto a citare aneddoti o