Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Max e Francesco Morini

Antonio Canova, Ritratti di Napoleone Bonaparte

Immagine
   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Antonio Canova, Ritratto di Napoleone Bonaparte (1803) - Museo statale Ermitage, San Pietroburgo, Russia Nulla avviene per caso, e se il primo incontro con l'arte è stato folgorante lo devo ad Antonio Canova. Un giorno del 1992 lessi sulle pagine di un quotidiano, di una mostra dedicata ad Antonio Canova riguardante opere provenienti dall'Ermitage di San Pietroburgo, così, incuriosito ed accompagnato dalla mia inseparabile fotocamera, andai a vedere quella mostra. Ovviamente rimasi estasiato dalla bellezza delle opere esposte, la stessa sensazione che ho avuto nel 2019 alla mostra a lui dedicata dal titolo  Canova: Eterna Bellezza sempre a Roma. Ormai è passato molto tempo da allora e il ricordo è lontano, di sicuro però la grazia delle forme femminili come Le Grazie , oppure quella di Ebe e l a Danzatrice con le mani sui fianchi , oppure ancora Amore e Psiche, Orfeo, Amorino alato, Maddalena penitente ed altre ancora, sono

Guido Reni e San Michele Arcangelo

Immagine
Uno Sguardo alle Opere d'Arte citate nel Romanzo/Noir "Rosso Barocco" di Max e Francesco Morini.  A cura di Manuela Moschin In questo articolo vi parlo di uno straordinario romanzo/noir dalla trama elettrizzante e trascinante. Una scritta misteriosa, che compare nella cripta di San Carlino alle Quattro Fontane, costituisce l'inizio di un'intrigante storia ambientata a Roma dove vede protagonisti due grandi geni del passato: Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini.  Dalla rivalità dei due artisti ne esce un giallo poliziesco molto coinvolgente che guida il lettore negli angoli più suggestivi della città, dove antichi segreti si concatenano a fatti accaduti nell'epoca attuale.  Max  e  Francesco Morini , autori anche di  "Nero Caravaggio" , rendono ancora una volta la storia dell'arte protagonista assoluta. Il libro è ricchissimo di pillole di cultura che affascinano in ogni pagina. Gli autori non si limitano soltanto a citare aneddoti o