Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Filippo Lippi

Marco Bigio, Le tre Parche a Palazzo Barberini

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Marco Bigio, Le tre Parche (1530-1540) Olio su tela, cm. 200 x 212 Un grande dipinto si fa notare all'interno della Sala 15 dedicata alla pittura senese a Palazzo Barberini. Si tratta di un'opera di Marco Bigio dal titolo Le tre Parche realizzato nel periodo che va da 1530 al 1540. Nel dipinto l'artista raffigura le figlie di Giove e Temi che rappresentano il destino degli uomini.  A rappresentare la nascita, a destra è stata raffigurata Cloto con un rocchetto di filo bianco: ovvero è colei che fa iniziare la vita. A sinistra di trova Lachesi  che stabilice la sorte e il destino intenta ad avvolgere un filo rosso, mentre al centro c'è Atropo che ha in mano una forbice pronta a tagliare il filo della vita, ma per farlo guarda i due amorini ai suoi piedi che estraggono a sorte il nome ci colui che deve morire inciso su delle medaglie di vari materiali, perché la natura umana è varia. Alle loro spalle ci sono vari persona

Filippo Lippi, Madonna col Bambino e due angeli

Immagine
    #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Filippo Lippi, Madonna col Bambino e due angeli (1460 - 1465 ca.) E’ l’opera più celebre di Filippo Lippi, caratterizzata dalla straordinaria spontaneità della rappresentazione. La Madonna siede su un trono di cui si intravede solo il morbido cuscino ricamato e il bracciolo intagliato, intenta a contemplare il figlio verso il quale rivolge un gesto di preghiera. L’espressione è dolce e indulgente, ma quasi malinconica, come se la madre presagisse il doloroso destino del figlio. Il piccolo Gesù, coperto solo dalle fasce, risponde allo sguardo di Maria e protende le braccia verso di lei, sostenuto da due angeli. Quello in primo piano rivolge lo sguardo all’esterno, a coinvolgere lo spettatore, con volto sorridente. Il taglio ravvicinato, con le figure poco più che a mezzo busto raccolte nell’esiguo spazio delimitato dalla cornice in pietra serena, rende la composizione simile a numerosi rilievi scultorei eseguiti dagli scultori fiorenti

Filippo Lippi, Annunciazione con due donatori

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Filippo Lippi, Annunciazione con due donatori (1435) - Palazzo Barberini - Roma In un sontuoso interno domestico, la Madonna riceve dall’angelo l’annuncio della sua maternità divina, episodio narrato nei Vangeli di Luca e Matteo.  La triplice arcata dello sfondo incornicia i personaggi in primo piano e accelera la prospettiva a cannocchiale che si apre su un  hortus conclusus , il giardino incontaminato simbolo della verginità di Maria. In fondo a destra, fanno capolino due domestiche, quasi spaventate dalla presenza dell’inaspettato visitatore. All’estrema destra i donatori, riservati testimoni della scena.  I ricami dorati dei tessuti, gli arabeschi e i motivi vegetali sugli arredi, le ali e le ciocche dei capelli dell’angelo, i marmi screziati delle colonne, sono resi con estrema minuziosità, il che denota una conoscenza e un’influenza della coeva pittura fiamminga (ugualmente evidente nella  Madonna di Tarquinia , esposta nell

FILIPPO LIPPI, EPISODI DELLA VITA DI MARIA

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Buongiorno Amici Fra Filippo di Tommaso Lippi, più comunemente conosciuto come Filippo Lippi (Firenze 1406 - Spoleto 1469) , è stato un pittore italiano attivo nel XV secolo. Non ebbe un'infanzia tranquilla perché sua madre morì di parto, così lui e suo fratello dopo alcuni anni passati presso i suoi parenti, furono affidati al convento dei frati carmelitani in Oltrarno, dove dopo alcuni anni prese i voti. Un giorno vide il Masaccio dipingere la cappella Brancacci nella chiesa di San ta Maria del Carmine. Rimase affascinato da tanta bellezza che fu per lui uno stimolo verso la pittura. Dopo aver trascorso i suoi anni artistici tra la Toscana ed il Veneto, durante il suo soggiorno a Prato, divenne cappellano del convento di Santa Margherita. Mentre si dedicava ad alcuni lavori riguardanti la madonna, si innamorò di una suora di nome Lucrezia Buti che posò per lui. I due si innamorarono e dalla loro relazione nacque un figl

Filippo Lippi, Madonna di Tarquinia

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Filippo Lippi, Madonna di Tarquinia (1437) - Palazzo Barberini - Roma Autore: Filippo Lippi (Firenze 1406 - Spoleto 1468) Titolo: Madonna di Tarquinia Datazione: 1437 Supporto : Tempera su tavola Misure (cm): 114 x 65 Si trova: Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini Luogo: Roma