Passa ai contenuti principali

In primo piano

Lelio Orsi, I santi Cecilia e Valeriano

      #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Lelio Orsi, I santi Cecilia e Valeriano (1580 ca.) La tavola, firmata in lettere capitali puntate riportate sulla base dell’organo, raffigura il preludio del martirio dei santi Cecilia e Valeriano, quasi si trattasse di un episodio cortese filologicamente ricostruito in un teatrino ottocentesco. Nell’impaginazione della scena si colgono tratti convenzionali e discontinua è la stessa qualità dell’esecuzione – tanto da ipotizzare un pesante intervento di bottega – che pure ha i suoi elementi di forza in una cromìa preziosa dai toni smaltati. Di sicura mano del Maestro deve considerarsi probabilmente solo il panneggio raffinatissimo delle vesti dei due santi. Da notare gli strumenti raffigurati accanto a Cecilia, protettrice della Musica.  (testo tratto dal sito della Galleria Borghese) Autore: Lelio Orsi   (Novellara 1508 - 1587) Titolo: Ritratto di uomo Datazione: 1580 ca. Supporto : Olio su tav

I RITRATTI DI FRANCESCO TROMBADORI

Francesco Trombadori, Autoritratto (1932)
Qualche mese fa, mi è capitata l'occasione di vedere una mostra dedicata a Francesco Trombadori, pittore siciliano nato a Siracusa il 7 Aprile del 1886 che era stata allestita alla Galleria Comunale di Arte Moderna di Roma. Nella mostra sono stati esposti sia ritratti che paesaggi urbani romani molto interessanti. Ho voluto dedicare questo post ai ritratti che ritengo di particolare rilievo. Durante la sua vita artistica ha ricevuto moltissimi apprezzamenti dalla critica, è stato anche lui un critico e recensore sulle riviste e quotidiani, Si è spento nel suo studio di Roma, ora casa-museo, il 24 Agosto del 1961.

https://www.massimogaudio-photography.com/

Francesco Trombadori, Donna Emanuela Balbo (1929)

Francesco Trombadori, Fanciulla nuda (Fanciulla che legge) (1929)

Francesco Trombadori, Nudo neoclassic (1925 ca.)

Francesco Trombadori, Ritratto di Italo Balbo (1927)

Francesco Trombadori, Ritratto di Tonina Rocchi Astengo (1933)

Commenti

Post più popolari