Lorenzo Lotto, Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Girolamo, Giorgio, Sebastiano, Antonio Abate e Nicola di Bari a Palazzo Barberini

Immagine
   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Lorenzo Lotto, Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Girolamo, Giorgio, Sebastiano, Antonio Abate e Nicola di Bari (1524), Olio su tela, cm. 98 x 115 Nella sala 13 al primo piano di Palazzo Barberini trova spazio soltanto un'opera pittorica esposta ed è quella dall'artista veneziano Lorenzo Lotto dal titolo Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Girolamo, Giorgio, Sebastiano, Antonio Abate e Nicola di Bari realizzata nel 1524 su commissione dei novelli sposi Marsilio e Faustina Cassotti per essere collocata nella loro camera. Le nozze sono presiedute da Maria che guardando verso lo spettatore, indica le due strade per il Signore: quella faticosa intrapresa da san Girolamo e quella di amorevole carità di santa Caterina; il Bambino nell'offrire una rosa alla santa ricorda che la passione per Cristo non è senza spine. Questo dipinto, oltre ad avere un forte significato religioso ha un risvolto meno nobil

Hans Holbein il Giovane, La dama con lo scoiattolo

 #artiebellezzeitaliane

Photo by Massimo Gaudio

Hans Holbein il giovane, La dama con lo scoiattolo (1526-1528)


Grazie alla collaborazione tra la Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini in Roma e la National Gallery di Londra, è possibile ammirare in Italia l'opera dell'artista tedesco Hans Holbein il giovane (Augusta 1497/98- Londra 1543) dal titolo La dama con lo scoiattolo. Si trova esposto al primo piano del Palazzo nella sala 16 dedicata al Rinascimento, quella dove si trova esposto di consueto il dipinto de La Fornarina di Raffaello, che in questo momento si trova a Londra per una mostra dedicata a Raffaello e così, per uno scambio, nel posto riservato alla Fornarina si trova l'opera di Holbein che non è l'unica opera dell'artista presente nella sala, infatti nella parate di fianco è esposta un'altra sua opera dov'è ritratto Enrico VIII.
Holbein si era fatto già conoscere come ritrattista nel suo Paese e con l'arrivo a Londra tentò di entrare nelle grazie dell'alta borghesia e così facendo riuscì ad arrivare fino a Enrico VIII.
La donna ritratta nel dipinto è molto probabilmente Anne Lovell, moglie di Sir Francis Lovell scudiero di Enrico VII da lui nominato nel 1526 a Sceriffo di Norfolk. Nel ritratto oltre all'accuratezza della composizione, alla pennellata leggera e alla scelta cromatica, l'artista ha inserito due elementi identificativi della famiglia Lovell come lo scoiattolo che è presente nell'emblema araldico e lo storno che è stato inserito giocando con le parole che rimandano ai Lovell perché in inglese lo storno si traduce in starling e la famiglia aveva una tenuta in una zona che si chiama East Harling nel Norfolk nell'Inghilterra orientale.

L'opera potrà essere ammirata in Italia fino al 31 luglio 2022

Autore: Hans Holbein il giovane (Augusta 1497/98- Londra 1543))
Titolo: La dama con lo scoiattolo
Datazione: 1526 - 1528
Supporto : Olio su tavola
Misure (cm): 56 x 38,8
Si trova: National Gallery
Luogo: Londra (momentaneamente alla Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini in Roma)






Hans Holbein il giovane, Ritratto di Enrico VIII (1540), Olio su tavola, cm. 88,5 x 74,5

Commenti

Post popolari in questo blog

LA STANZA DELL'INCENDIO DI BORGO DI RAFFAELLO AI MUSEI VATICANI

I PUGILATORI CREUGANTE E DAMOSSENO DI ANTONIO CANOVA

GIUDITTA E OLOFERNE