CARAVAGGIO, MADONNA DEI PELLEGRINI (1604-1606)

  © Photo by Massimo Gaudio

Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO, Madonna dei Pellegrini  (16054-1606)

Gli elementi per criticare la Madonna dei Pellegrini di Caravaggio ci sono tutti. Tanto per cominciare la modella che impersona la Madonna era Maddalena Antognetti detta Lena, una nota cortigiana d'alto bordo molto conosciuta a Roma che tiene in braccio un bambino cresciutello che rappresenta Gesù. Non bastasse questo, Caravaggio, secondo una feroce critica del "nemico" Giovanni Baglione, si era permesso di inserire nel dipinto due pellegrini sudici; uno in ginocchio scalzo e "co' piedi fangosi di deretano" e l'altra sempre in ginocchio con "una cuffia sdrucita e sudicia di deretani". Ci sono state altre critiche negative nel tempo perché la rappresentazione della Madonna col Bambino non seguiva i canoni che fino a quel momento la voleva ritratta in modo quasi irraggiungibile, invece Caravaggio l'ha ritratta in modo semplice, molto terreno,  infatti, dallo stipo della propria casa la Madonna ha in braccio Gesù che impartisce la benedizione ai due pellegrini poveri con indosso vestiti sporchi e laceri. Si pensava che questa rappresentazione della Madonna da parte di Lena creasse scandalo e che venisse rifiutata dalla parte committente. Questo fortunatamente non accadde e non fecero neanche scalpore i piedi nudi e sporchi perché il popolo andava in pellegrinaggio a piedi nudi e questo Caravaggio lo sapeva bene in quanto molto probabilmente aveva visto i fedeli andare in pellegrinaggio durante l'Anno Santo del 1600.





Autore: Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO (Milano 29/09/1571 - Porto Ercole 18/07/1610)
Titolo: Madonna dei Pellegrini o di Loreto
Datazione: 1604-1606
Supporto : Olio su tela
Misure (cm): 260 x 150
Si trova: Basilica di Sant'Agostino in Campo Marzio
Luogo: Roma


Vi ringrazio.

Arrivederci al prossimo articolo.

Massimo

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette Virtù di Piero del Pollaiolo e Sandro Botticelli alla Galleria degli Uffizi

RAFFAELLO, LA STANZA DELL'INCENDIO DI BORGO AI MUSEI VATICANI

AMEDEO BOCCHI, NEL PARCO (1919)