Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Ritratto di Urbano VIII

Lorenzo Lotto, Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Girolamo, Giorgio, Sebastiano, Antonio Abate e Nicola di Bari a Palazzo Barberini

Immagine
   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Lorenzo Lotto, Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Girolamo, Giorgio, Sebastiano, Antonio Abate e Nicola di Bari (1524), Olio su tela, cm. 98 x 115 Nella sala 13 al primo piano di Palazzo Barberini trova spazio soltanto un'opera pittorica esposta ed è quella dall'artista veneziano Lorenzo Lotto dal titolo Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Girolamo, Giorgio, Sebastiano, Antonio Abate e Nicola di Bari realizzata nel 1524 su commissione dei novelli sposi Marsilio e Faustina Cassotti per essere collocata nella loro camera. Le nozze sono presiedute da Maria che guardando verso lo spettatore, indica le due strade per il Signore: quella faticosa intrapresa da san Girolamo e quella di amorevole carità di santa Caterina; il Bambino nell'offrire una rosa alla santa ricorda che la passione per Cristo non è senza spine. Questo dipinto, oltre ad avere un forte significato religioso ha un risvolto meno nobil

Gian Lorenzo Bernini, Ritratto di Urbano VIII

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Gian Lorenzo Bernini, Ritratto di Urbano VIII (1632-1633) - Palazzo Barberini - Roma Osservando quest’opera è immediatamente percepibile la straordinaria capacità di Gian Lorenzo Bernini nel tirar fuori dalla materia inerte un respiro vitale. Un risultato ottenuto attraverso piccoli dettagli apparentemente secondari: le labbra che sembrano sul punto di dischiudersi, la barba non rasata sulle guance, un bottone della mozzetta non del tutto allacciato, le iridi degli occhi incise con la punta del trapano. Dettagli che fermano nella pietra il momento fugace del presente, colgono l’attimo, infondono al ritratto grande immediatezza e individualità psicologica. Tutti questi elementi testimoniano l’eccezionale maestria tecnica con cui Bernini riusciva a ottenere dal marmo effetti particolari, non per virtuosismo fine a sé stesso, ma per conferire al ritratto una naturalezza tale da far sembrare all’osservatore di trovarsi realmente al

GIAN LORENZO BERNINI, ARCHITETTO E SCULTORE A PALAZZO BARBERINI

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Museo Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini - Roma In precedenza non ho mai nascosto la mia passione per la Museo Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini in Roma. Se possiamo ammirare oggi la bellezza del Palazzo, lo dobbiamo all'opera di Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1698 - Roma 1680) che su commissione della famiglia Barberini, progettò l'ampliamento di Palazzo Sforza, acquistato nel 1625 dalla famiglia Tafani (il vecchio nome dei Barberini prima di esse modificato). Tra i vari lav ori architettonici, Bernini progetto lo Scalone Quadrato , contrapposto a quello elicoidale di Francesco Borromini, sia per posizione all’interno del palazzo che per impostazione stilistica. In un post pubblicato qualche tempo fa, ho messo in risalto alcuni lavori pittorici dell'artista napoletano, mentre quelli di oggi, saranno dedicati al Bernini come architetto e come scultore. Gian Lorenzo Bernini, S