Passa ai contenuti principali

In primo piano

Honthorst Gerrit van detto Gherardo delle notti alla Galleria Borghese

     #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Gerrit van Honthorst, Concerto (il furto dell'amuleto) (1621) Il Concerto si può datare alla seconda parte del soggiorno romano di van Honthorst (1610 – 1621). Il tema dell’opera sembra risentire della morale religiosa dei Paesi Bassi, dove la musica, arte eccellente e virtuosa, è tuttavia fugace, tanto da essere associata alla vanità. Il soggetto dell’opera va identificato come un vero e proprio inganno ai danni del giovane che, intento a cantare, non si accorge che la fanciulla gli sta per sfilare il piccolo amuleto in forma di croce che gli pende dall’orecchio, con la complicità della vecchia sdentata e del suonatore del basso di viola.  (testo tratto dal sito della Galleria Borghese) Autore: Honthorst Gerrit van detto Gherardo delle notti   (Utrecht 1590 - 1656) Titolo: Concerto (il furto dell'amuleto) Datazione: 1621 Supporto : Olio su tela Misure (cm): 168 x 202 Si trova:

BRONZINO ALLA CORTE DEI MEDICI

Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Ritratto di Eleonora di Toledo col figlio Giovanni (1550) - Galleria degli Uffizi - Firenze
Agnolo di Cosimo detto il Bronzino (Firenze 1503 - 1572), è stato uno dei maggiori rappresentanti del Manierismo. Ebbe la fortuna di esse allievo nella bottega di Pontormo con il quale cominciò a lavorare affrescando varie chiese. La sua grande occasione arrivò quando fu chiamato da Cosimo I de' Medici come ritrattista ufficiale di corte ed in quel frangente effettuò dei ritratti sia a Cosimo I che di altre persone della famiglia. La Galleria degli Uffizi a firenze, ospita nelle proprie sale cinque dipinti, sono tutti molto belli, ma trovo quelli in cui è stata ritratta la moglie Eleonora di Toledo e le figlie Bia e Maria, estremamente eleganti e ricchi di particolari nell'abbigliamento. Un'altro momento importante per il Bronzino, fu quando Cosimo I volle rimodernare le stanze di Palazzo Vecchio in occasione del suo matrimonio con Eleonora, così commissionò al pittore i lavori per la Cappella privata della granduchessa. La piccola cappella è tutta affrescata sia nella volta che nelle pareti ed è presente la pala d'altare con la Deposizione di Cristo. E' un vero gioiello.
https://www.massimogaudio-photography.com/

Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Ritratto di Bia figlia di Cosimo de' Medici (1541) - Galleria degli Uffizi - Firenze
Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Ritratto di Maria de' Medici (1551) - Galleria degli Uffizi - Firenze
Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Ritratto di Giovanni de' Medici (1545) - Galleria degli Uffizi - Firenze
Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Granduca Cosimo I (1545) - Galleria degli Uffizi - Firenze
Cappella di Eleonora, Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Deposizione di Cristo e l'Apocalisse - Palazzo Vecchio - Firenze
Cappella di Eleonora, Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, L'Apocalisse (1540-65) - Palazzo Vecchio - Firenze
Cappella di Eleonora, Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Deposizione di Cristo (1540-1565) - Palazzo Vecchio - Firenze

Commenti

Post più popolari