In primo piano

Jacopo Robusti detto TINTORETTO, Giuditta e Oloferne

  #artiebellezzeitaliane

Photo by Massimo Gaudio

Jacopo Robusti detto TINTORETTO e bottega, Giuditta e Oloferne (1577-1578) olio su tela - Museo Nazionale del Prado, Madrid

Proveniente dal Museo Nazionale del Prado di Madrid, in questi giorni si trova presso la Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini e vi rimarrà fino al 27 marzo 2022 nell'ambito della mostra Caravaggio e Artemisia: La sfida di Giuditta
Realizzato dal Tintoretto e dalla sua bottega, si caratterizza per la scelta di una composizione ampia, che permette l'inserimento di un gran numero di tettagli. La scena della storia biblica non si è ancora conlusa: l'elegante Giuditta compie il gesto di nascondere con una coperta il corpo di Oloferne ormai senza vita, mentre la sua ancella non ha ancora terminato di mettere la testa del condottiero Assiro all'interno della bisaccia. Tintoretto inserisce all'interno del dipinto molti particolari con l'intento di coinvolgere l'osservatore in modo che lo sguardo li vada a cercare, crendo così la scena più movimentata, come se ci si trovasse lì, proprio nel momento del dramma, grazie anche alla posizione dei corpi di Giuditta e la sua serva che creano movimento all'interno di essa.








Commenti

Post più popolari