Passa ai contenuti principali

In primo piano

Jacopo Robusti detto TINTORETTO, Giuditta e Oloferne

   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Jacopo Robusti detto TINTORETTO e bottega, Giuditta e Oloferne (1577-1578) olio su tela - Museo Nazionale del Prado, Madrid Proveniente dal Museo Nazionale del Prado di Madrid, in questi giorni si trova presso la Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini e vi rimarrà fino al 27 marzo 2022 nell'ambito della mostra Caravaggio e Artemisia: La sfida di Giuditta .  Realizzato dal Tintoretto e dalla sua bottega, si caratterizza per la scelta di una composizione ampia, che permette l'inserimento di un gran numero di tettagli. La scena della storia biblica non si è ancora conlusa: l'elegante Giuditta compie il gesto di nascondere con una coperta il corpo di Oloferne ormai senza vita, mentre la sua ancella non ha ancora terminato di mettere la testa del condottiero Assiro all'interno della bisaccia. Tintoretto inserisce all'interno del dipinto molti particolari con l'intento di coinvolgere l'osservato

Artemisia Gentileschi, Madonna che allatta

Photo by Massimo Gaudio
Artemisia Gentileschi, Madonna che allatta (1610-1611) Galleria Spada - Roma
L'originalissimo e celebre dipinto mostra, in modo del tutto inedito, una Vergine Maria che si è leggermente assopita mentre allatta il Bambino: il capo leggermente reclinato, gli occhi socchiusi, la mano sinistra abbandonata ci parlano della dolcezza, ma anche della fatica, della maternità, in una nuova visione dell'arte che si ispira direttamente al vero, senza per questo perdere i suoi densi riferimenti spirituali.
E' stata la giovanissima Artemisia Gentileschi, figlia del pittore Orazio, a ideare questa scena intima in cui un biondo Gesù infante pare risvegliare la madre con una leggera carezza; dall'arte del padre pittore deriva, invece, l'estremo preziosismo del colore, brillante, sfumato in una serie di trapassi di rosa perla luminosi e cangianti, che molto devono alla tradizione toscana. Databile intorno al 1610, il dipinto si ammira vicino ad uno dei capolavori assoluti di Orazio Gentileschi, il David con la testa di Golia, e costituisce, assieme all'altro dipinto di Artemisia conservato alla Galleria Spada, la Santa Cecilia che suona il liuto, uno dei più ragguardevoli nuclei collezionistici dei Gentileschi conservati in un museo pubblico.(testo tratto dal sito Gebart) 
Autore: Artemisia Gentileschi (Roma 1593 - Napoli 1654)
Titolo: Madonna che allatta
Supporto: Olio su tela
Anno: 1610 - 1611
Misure (cm.): 116,5 x 86,5
Posizione: Galleria Spada
Località: Roma

Commenti

Post più popolari