Passa ai contenuti principali

In primo piano

Francesco Albani alla Galleria Borghese

  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Francesco Albani, L'acconciatura di Venere (1616-1617) Acquistato dal cardinale Scipione Borghese nel 1622, insieme agli altri tondi raffiguranti Venere nella fucina di Vulcano, Venere e Adone e Il trionfo di Diana, la serie celebra gli amori degli Dei che si risolvono con la vittoria finale della casta Diana su Venere. Nel tondo, il primo della serie, Venere si specchia mentre le ninfe la acconciano; sull’albero e in terra i putti giocano con i pomi, il risveglio della natura annuncia l’arrivo della primavera, stagione degli amori. L’artista, nel dipingere le quattro tele, utilizzò come modelli gli stessi membri della sua famiglia: per Venere le due mogli e per i puttini i figli. (testo tratto dal sito della Galleria Borghese) Autore: Francesco Albani (Bologna 1578 -1660) Titolo: L'acconciatura di Venere (la Primavera) Datazione: 1616 - 1617 Supporto : Olio su tela Misure (cm): 154 (diamet

IL TONDO, LA PERFEZIONE DELL'ARTE

#artiebellezzeitaliane
Photo by Massimo Gaudio
Sandro Botticelli, Madonna della melagrana (1487) - Galleria degli Uffizi - Firenze

La pittura nel corso dei secoli, anzi millenni, ha avuto varie tipologie di supporto. Pensiamo ai graffiti sulle pareti delle caverne, oppure agli affreschi sulle pareti delle dimore dell'epoca romana. Tali supporti via via hanno assunto vari aspetti: tela, tavola, vetro, metallo e molto altro. Con il post di oggi, vado ad esaminare alcuni dipinti che hanno avuto principalmente come supporto le tavole di legno, non nelle classiche forme rettangolare o quadrato che vengono usate in forma prevalente, ma la forma tonda. E' un tipo di forma che a me piace molto ed è proprio questa a dare il nome, ovvero Tondo. Pochi artisti hanno adottato questa forma, per lo più nel rinascimento, basti pensare a Botticelli, Michelangelo, Domenico Ghirlandaio, solo per citarne alcuni. Questa forma è stata utilizzata per dipingere le volte delle sale di palazzi antichi come per esempio quella della Sala di Penelope che si trova a Palazzo Vecchio di Firenze dipinta dal Vasari, oppure quella della Sala della Flora a Galleria Borghese in Roma dipinta da Domenico De Angelis.
Il Tondo è un cerchio e come tale simboleggia la perfezione.
https://www.massimogaudio-photography.com/
Bartolomeo di Domenico di Paolo di Jacopo detto FRA' BARTOLOMEO, Adorazione del Bambino (1495) - Galleria Borghese - Roma
Alessandro Filipepi detto BOTTICELLI e aiuti, Madonna col Bambino, san Giovannino e angeli (1488) - Galleria Borghese - Roma
Volta Sala della Flora di Domenico de Angelis, Flora (1785) - Galleria Borghese - Roma
Scuola umbra, Madonna col Bambino (fine XV sec.) - Galleria Spada - Roma
Giovanni Antonio Sogliani, Madonna col Bambino e i santi - Musei Capitolini - Roma
Bartolomeo Neroni detto RICCIO, Madonna col Bambino e i santi Nicola di Bari e Caterina d'Alessandria - Palazzo Barberini - Roma
Bartolomeo Di Giovanni, La Madonna in adorazione del Bambino con san Giuseppe - Palazzo Vecchio - Firenze
Madonna col Bambino - Palazzo Vecchio - Firenze
Maestro del tondo Miller, Madonna che adora il Bambino e San Giovannino (1515) - Palazzo Vecchio - Firenze
Sala di Penelope, Giorgio Vasari, Penelope al telaio tra divinità fluviali (1561-62) - Palazzo Vecchio - Firenze

Commenti

Post più popolari