Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2020

In primo piano

Francesco Albani alla Galleria Borghese

  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Francesco Albani, L'acconciatura di Venere (1616-1617) Acquistato dal cardinale Scipione Borghese nel 1622, insieme agli altri tondi raffiguranti Venere nella fucina di Vulcano, Venere e Adone e Il trionfo di Diana, la serie celebra gli amori degli Dei che si risolvono con la vittoria finale della casta Diana su Venere. Nel tondo, il primo della serie, Venere si specchia mentre le ninfe la acconciano; sull’albero e in terra i putti giocano con i pomi, il risveglio della natura annuncia l’arrivo della primavera, stagione degli amori. L’artista, nel dipingere le quattro tele, utilizzò come modelli gli stessi membri della sua famiglia: per Venere le due mogli e per i puttini i figli. (testo tratto dal sito della Galleria Borghese) Autore: Francesco Albani (Bologna 1578 -1660) Titolo: L'acconciatura di Venere (la Primavera) Datazione: 1616 - 1617 Supporto : Olio su tela Misure (cm): 154 (diamet

Antonio Canova, Morte di Priamo

Antonio Canova, Danza dei Feaci

Jan Brueghel il Vecchio, Paesaggio con mulini a vento

Statua di Aristotele

Giovan Battista Barbieri detto GUERCINO, La morte di Didone

Francesco Castelli detto FRANCESCO BORROMINI, Galleria Prospettica

TIZIANO Vecellio, Ritratto di violinista

Guido Reni, Ritratto del Cardinale Bernardino Spada

Artemisia Gentileschi, Madonna che allatta

Giovanni Battista Gaulli detto IL BACICCIA, Il Trionfo del nome di Gesù

Bernardino Cesari, Diana e Atteone

Giuseppe Cesari detto CAVALIER D'ARPINO, La cattura di Cristo

Giuseppe Cesari detto CAVALIER D'ARPINO, Ratto di Europa

Ludovico Cardi detto CIGOLI, Giuseppe con la moglie di Putifarre

Scipione Pulzone, Sacra Famiglia con i santi Giovannino ed Elisabetta