Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2019

Marco Bigio, Le tre Parche a Palazzo Barberini

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Marco Bigio, Le tre Parche (1530-1540) Olio su tela, cm. 200 x 212 Un grande dipinto si fa notare all'interno della Sala 15 dedicata alla pittura senese a Palazzo Barberini. Si tratta di un'opera di Marco Bigio dal titolo Le tre Parche realizzato nel periodo che va da 1530 al 1540. Nel dipinto l'artista raffigura le figlie di Giove e Temi che rappresentano il destino degli uomini.  A rappresentare la nascita, a destra è stata raffigurata Cloto con un rocchetto di filo bianco: ovvero è colei che fa iniziare la vita. A sinistra di trova Lachesi  che stabilice la sorte e il destino intenta ad avvolgere un filo rosso, mentre al centro c'è Atropo che ha in mano una forbice pronta a tagliare il filo della vita, ma per farlo guarda i due amorini ai suoi piedi che estraggono a sorte il nome ci colui che deve morire inciso su delle medaglie di vari materiali, perché la natura umana è varia. Alle loro spalle ci sono vari persona

IL '700 DI MARCO BENEFIAL A PALAZZO BARBERINI

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Sala Roma 1670 - 1750 - Palazzo Barberini - Roma Buongiorno Amici Una delle sale nella nuova ala sud del Museo Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberin i, è dedicata alla pittura romana che ha caratterizzato il periodo tra il 1670 ed il 1750. Molti sono stati gli artisti di rilievo che hanno avuto modo di esprimersi con la loro pittura. Nei primi decenni di questo periodo l'influenza barocca di Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 - Roma 1680) era ancora molto forte, ed è rimasta tale fino a fine secolo , grazie anche al lavoro di molti artisti. A questi si aggiunge la pittura di Marco Benefial (Roma 1684 - 1764), che è ormai attivo ben dentro il nuovo secolo dei Lumi. Marco Benefial, Ritratto della famiglia Quarantotti (la famiglia del Missionario) (1756) - Palazzo Barberini - Roma Autore: Marco Benefial (Roma 1684 - 1764) Titolo: Ritratto della famiglia Qua

Recensione del Thriller Storico "L'Apprendista di Goya" di Sara di Furia e approfondimento dell'opera d'arte "Il Parasole"

Immagine
Francisco Goya "L'Ombrellino" o "Il Parasole" 1777 Olio su tela cm.152x104 - Museo del Prado Madrid (Fig.1) Francisco Goya "L'Ombrellino" o "Il Parasole" 1777 Olio su tela cm.152x104 - Museo del Prado Madrid (Fig.2) Recensione del Thriller Storico "L'Apprendista di Goya" di  Sara Di Furia e approfondimento dell'opera "Il Parasole" di Francisco Goya. Articolo scritto per ThrillerNord - Associazione Culturale Link:  ThrillerNord-Associazione culturale A cura di Manuela Moschin Essendo appassionata d'arte e di thriller storici ho atteso con impazienza l'uscita di questo meraviglioso libro di  Sara Di Furia intitolato "L'Apprendista di Goya" . Un libro che mi ha piacevolmente conquistata. Densa di misteri ed emozioni, la storia del celebre artista  Francisco Goya  si intreccia magistralmente ad alcuni enigmi inquietanti. L'autrice ci regala un thriller mozzaf

DUILIO CAMBELLOTTI ALLA CASINA DELLE CIVETTE

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Museo Comunale di Villa Torlonia, Casina delle Civette - Roma Museo Comunale di Villa Torlonia, Casina delle Civette - Roma  Museo Comunale di Villa Torlonia, Casina delle Civette - Roma Buongiorno Amici Nel quartiere Nomentano a Roma, c'è Villa Torlonia che oltre ad avere un bel parco con pini secolari, ha tre costruzioni di pregio. Tutte e tre fanno parte del Museo Comunale di Villa Torlonia , tra le quali la Casina delle Civette . Al suo interno si trovano molti disegni di progetti per le vetrate di vari edifici e chiese, inoltre ci sono molte vetrate artistiche di bellezza straordinaria. Nei post di oggi mostrerò alcune di queste vetr ate create da Duilio Cambellotti nei primi decenni del XX secolo. Duilio Cambellitti, La Fata (1917) - Museo Comunale di Villa Torlonia, Casina delle Civette - Roma Duilio Cambellitti, La Fata (1917) - Museo Comunale di Villa Torlonia, Casina delle Civette - Ro

Recensione del Romanzo Storico "Il sigillo delle cento chiavi" di Daniela Tresconi

Immagine
Recensione del Romanzo Storico "Il sigillo delle cento chiavi" di Daniela Tresconi - Panesi Edizioni  A cura di Manuela Moschin Un luogo che custodisce un segreto, una misteriosa leggenda, una preziosa reliquia e un dipinto enigmatico sono i protagonisti del  "Il sigillo delle cento chiavi" di Daniela Tresconi. L'autrice ci accompagna in Liguria in un piccolo Borgo di Pitelli, una frazione del comune di La Spezia, che recentemente è stato inserito fra i "Borghi autentici d'Italia".  Si tratta di un racconto basato su un fatto reale che, come testimoniano numerose fonti, accadde alla fine del 1500,  e che tutt'ora è oggetto di studio.  Il libro rappresenta, perciò,  un' ottima opportunità per conoscere un luogo incantevole e ricco di antiche tradizioni. Leggendo questa straordinaria narrazione mi sono immedesimata negli abitanti di Pitelli, immaginando lo stupore sui loro volti quando seppero che l'autrice gli ha dedicato

CENTRALE MONTEMARTINI: LA "SCOSSA" CONTINUA

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Buongiorno Amici Ieri ho notato un certo interesse verso la Centrale Montemartin i, quindi oggi vorrei continuare a mostrare altre opere presenti al suo interno. Oltre le statue, i mosaici e la parte inerente l'archeologia moderna (struttura, motori diesel, turbine, condotti ed altro ancora), sono presenti anche oggetti di uso comune, gioielli, sarcofagi, urne e molto altro, tutto risalente all'epoca romana. Sala Macchine, Turbina a vapore Statua di Dioniso barbato (metà IV sec. a.C.) - Musei Capitolini, Centrale Montemartini - Roma Autore: - Titolo: Statua di Dioniso barbato Datazione: Metà IV secolo a.C. Supporto : Marmo Misure (cm): - Si trova: Musei Capitolini, Centrale Montemartini Luogo: Roma Statua di Marsia - Musei Capitolini, Centrale Montemartini - Roma Autore: - Titolo: Statua di Marsia