Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Cosimo I de' Medici

Antonio Canova, Ritratti di Napoleone Bonaparte

Immagine
   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Antonio Canova, Ritratto di Napoleone Bonaparte (1803) - Museo statale Ermitage, San Pietroburgo, Russia Nulla avviene per caso, e se il primo incontro con l'arte è stato folgorante lo devo ad Antonio Canova. Un giorno del 1992 lessi sulle pagine di un quotidiano, di una mostra dedicata ad Antonio Canova riguardante opere provenienti dall'Ermitage di San Pietroburgo, così, incuriosito ed accompagnato dalla mia inseparabile fotocamera, andai a vedere quella mostra. Ovviamente rimasi estasiato dalla bellezza delle opere esposte, la stessa sensazione che ho avuto nel 2019 alla mostra a lui dedicata dal titolo  Canova: Eterna Bellezza sempre a Roma. Ormai è passato molto tempo da allora e il ricordo è lontano, di sicuro però la grazia delle forme femminili come Le Grazie , oppure quella di Ebe e l a Danzatrice con le mani sui fianchi , oppure ancora Amore e Psiche, Orfeo, Amorino alato, Maddalena penitente ed altre ancora, sono

BRONZINO ALLA CORTE DEI MEDICI

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Ritratto di Eleonora di Toledo col figlio Giovanni (1550) - Galleria degli Uffizi - Firenze Agnolo di Cosimo detto il Bronzino (Firenze 1503 - 1572), è stato uno dei maggiori rappresentanti del Manierismo. Ebbe la fortuna di esse allievo nella bottega di Pontormo con il quale cominciò a lavorare affrescando varie chiese. La sua grande occasione arrivò quando fu chiamato da Cosimo I de' Medici come ritrattista ufficiale di corte ed in quel frangente effettuò dei ritratti sia a Cosimo I che di altre persone della famiglia. La Galleria degli Uffizi a firenze, ospita nelle proprie sale cinque dipinti, sono tutti molto belli, ma trovo quelli in cui è stata ritratta la moglie Eleonora di Toledo e le figlie Bia e Maria, estremamente eleganti e ricchi di particolari nell'abbigliamento. Un'altro momento importante per il Bronzino, fu quando Cosimo I volle rimodernare le stanze di