Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta palazzo vecchio

IL MITO DI ERCOLE DALL'ANTICA ROMA

Immagine
© Photo by  Massimo Gaudio N ell'antica Roma Ercole ha avuto un posto di rilievo. Il suo culto si diffuse nelle province d’Italia e nelle regioni dell’Impero dove v ennero edificati templi in suo onore per poterlo venerare, proprio come il tempio che si trova a Roma di fronte alla Bocca della Verità . Anche gli imperatori Caligola e Commodo si fregiarono dei suoi attributi facendosi ritrarre con pelle leonina e clava. Molti artisti nel corso dei millenni lo hanno ritratto da solo in posa oppure mentre combatte. Ercole e il Centauro Nesso Autore: - Titolo: Ercole e il Centauro Nesso Datazione: - Supporto: Marmo Misure (cm): Si trova: Galleria degli Uffizi Luogo: Firenze Antonio del Pollaiolo, Ercole e Anteo (1475) Autore: Antonio del Pollaiolo (Firenze 1429 - Roma 1498) Titolo: Ercole e Anteo Datazione: 1475 Supporto: Tempera grassa su tavola Misure (cm): 16 x 9 Si trova:

BRONZINO ALLA CORTE DEI MEDICI

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Agnolo di Cosimo detto BRONZINO, Ritratto di Eleonora di Toledo col figlio Giovanni (1550) - Galleria degli Uffizi - Firenze Agnolo di Cosimo detto il Bronzino (Firenze 1503 - 1572), è stato uno dei maggiori rappresentanti del Manierismo. Ebbe la fortuna di esse allievo nella bottega di Pontormo con il quale cominciò a lavorare affrescando varie chiese. La sua grande occasione arrivò quando fu chiamato da Cosimo I de' Medici come ritrattista ufficiale di corte ed in quel frangente effettuò dei ritratti sia a Cosimo I che di altre persone della famiglia. La Galleria degli Uffizi a firenze, ospita nelle proprie sale cinque dipinti, sono tutti molto belli, ma trovo quelli in cui è stata ritratta la moglie Eleonora di Toledo e le figlie Bia e Maria, estremamente eleganti e ricchi di particolari nell'abbigliamento. Un'altro momento importante per il Bronzino, fu quando Cosimo I volle rimodernare le stanze di

GIUDITTA E OLOFERNE DI DONATELLO

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Donato di Niccolò di Betto Bardi detto Donatello, Giuditta e Oloferne (1453 - 1457) - Palazzo Vecchio - Firenze A Firenze e più precisamente nella Sala dei Gigli a Palazzo Vecchio , è collocata una scultura di Donato di Niccolò di Betto Bardi detto Donatello (Firenze 1386-1466) posta su una colonna marmorea che si intitola Giuditta e Oloferne , realizzata tra il 1453 ed il 1457, è di bronzo ed è alta circa 235 cm.