Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Papa Urbano VIII

FONTANA DI TREVI

Immagine
© Photo by Massimo Gaudio Salvi Nicola, Fontana di Trevi (1735) Le mostre terminali degli acquedotti sono fontane monumentali che hanno l’intento di rappresentare la parte finale dell'acquedotto a cui corrispondono. A Roma ce ne sono molte, basti pensare alla  Fontana del Mosè  in piazza San Bernardo, oppure alla  Fontana dell'Acqua Paola  sul Gianicolo. Due bellissime fontane senza dubbio, ma la più bella in assoluto è sicuramente la  Fontana di Trevi . Si tratta della mostra terminale dell’acquedotto Vergine, l'unico degli acquedotti antichi che dal 19 a.C. fornisce l'acqua a Roma ininterrottamente. Si trova nell'omonimo rione ai piedi del colle del Quirinale e la sua denominazione potrebbe derivare da  regio Trivii , un toponimo in uso nella zona già dalla metà del XII secolo, oppure dal triplice sbocco dell’acqua dell’originaria fontana. Il progetto per la sua realizzazione incominciò nel 1640 sotto il papato di Urbano VIII Barberini, il quale coinvolse Gian Lor

GIAN LORENZO BERNINI, LA FONTANA DEL TRITONE

Immagine
© Photo by  Massimo Gaudio L'Arte di fotografare l'Arte La Fontana del Tritone nel 1986 Nel rione Trevi e più precisamente in Piazza Barberini, si trova  la  Fontana del Tritone  che costituisce uno dei capolavori del barocco firmato da Gian Lorenzo Bernini (1598-1680), i niziata e portata a termine tra la fine del 1642 e la prima metà del 1643. Fu  incaricato da papa Urbano VIII Barberini (1623-1644) della realizzazione dell’opera come “pubblico ornamento della città” al centro della piazza. A destra della Fontana in travertino, dove ora si trova l'uscita della metropolitana della linea A, si trovava l'accesso al cortile del palazzo della famiglia Barberini, utilizzato anche per eventi molto particolari come il carosello  in onore di Cristina di Svezia nel carnevale del 1656 riportato in un dipinto di Filippo Gagliardi e Filippo Lauri (ultima fotografia). Una delle fotografie precedenti è stata scattata da una finestra di Palazzo Barberini. Guardandola attentamente, si