Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta musei vaticani

MUSEI VATICANI, GLI ANGELI MUSICANTI DI MELOZZO DA FORLI'

Immagine
    © Photo by  Massimo Gaudio Melozzo degli Ambrosi detto MELOZZO da FORLI', Angelo musicante (1480 ca.) Per via di tutte le meraviglie contenute all'interno dei Musei Vaticani un giorno solo non basta. Una persona è costretta a "sorvolare" sulla visione più accurata di ogni opera altrimenti non riesce a completare il giro e chissà quante opere ci sono nei magazzini che per un motivo o l'altro non vengono esposte. Per questo motivo lancio l'idea di realizzare una struttura alberghiera collegata ai Musei Vaticani per offrire una visita più accurata con o senza guida di almeno due giorni dedicata alla Grande Arte. Chissà, forse un giorno qualcuno leggerà di questa idea e la prenderà seriamente in considerazione. Nel frattempo vi mostro una serie di angeli musicanti, raffigurati ognuno con uno strumento sia a percussione che a corda. Si tratta di affreschi staccati realizzati da Melozzo degli Ambrosi detto MELOZZO da FORLI' databili intorno all'anno 1480

ANTONIO CANOVA: BELLEZZA, PUREZZA, PERFEZIONE

Immagine
© Photo by Massimo Gaudio Gaspare Landi, Ritratto di Antonio Canova (1806) Galleria Borghese, Roma Nulla avviene per caso, e se il primo incontro con l'arte è stato folgorante lo devo ad Antonio Canova. Un giorno del 1992 lessi sulle pagine di un quotidiano, di una mostra dedicata ad Antonio Canova riguardante opere provenienti dall'Hermitage di San Pietroburgo, così, incuriosito e accompagnato dalla mia inseparabile fotocamera, andai a vedere quella mostra. Ovviamente rimasi estasiato dalla bellezza delle opere esposte, la stessa sensazione che ho avuto nel 2019 alla mostra a lui dedicata dal titolo Canova: Eterna Bellezza sempre a Roma. Ormai è passato molto tempo dal 1992 e il ricordo è lontano, di sicuro però la grazia delle forme femminili come Le Grazie, oppure quella di Ebe e la Danzatrice con le mani sui fianchi, oppure ancora Amore e Psiche, Orfeo, Amorino alato, Maddalena penitente e altre ancora, sono rimaste impresse nella mia mente, favorendo così il mio interesse