Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta gherardo delle notti

Antonio Canova, Ritratti di Napoleone Bonaparte

Immagine
   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Antonio Canova, Ritratto di Napoleone Bonaparte (1803) - Museo statale Ermitage, San Pietroburgo, Russia Nulla avviene per caso, e se il primo incontro con l'arte è stato folgorante lo devo ad Antonio Canova. Un giorno del 1992 lessi sulle pagine di un quotidiano, di una mostra dedicata ad Antonio Canova riguardante opere provenienti dall'Ermitage di San Pietroburgo, così, incuriosito ed accompagnato dalla mia inseparabile fotocamera, andai a vedere quella mostra. Ovviamente rimasi estasiato dalla bellezza delle opere esposte, la stessa sensazione che ho avuto nel 2019 alla mostra a lui dedicata dal titolo  Canova: Eterna Bellezza sempre a Roma. Ormai è passato molto tempo da allora e il ricordo è lontano, di sicuro però la grazia delle forme femminili come Le Grazie , oppure quella di Ebe e l a Danzatrice con le mani sui fianchi , oppure ancora Amore e Psiche, Orfeo, Amorino alato, Maddalena penitente ed altre ancora, sono

Honthorst Gerrit van detto Gherardo delle notti alla Galleria Borghese

Immagine
     #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Gerrit van Honthorst, Concerto (il furto dell'amuleto) (1621) Il Concerto si può datare alla seconda parte del soggiorno romano di van Honthorst (1610 – 1621). Il tema dell’opera sembra risentire della morale religiosa dei Paesi Bassi, dove la musica, arte eccellente e virtuosa, è tuttavia fugace, tanto da essere associata alla vanità. Il soggetto dell’opera va identificato come un vero e proprio inganno ai danni del giovane che, intento a cantare, non si accorge che la fanciulla gli sta per sfilare il piccolo amuleto in forma di croce che gli pende dall’orecchio, con la complicità della vecchia sdentata e del suonatore del basso di viola.  (testo tratto dal sito della Galleria Borghese) Autore: Honthorst Gerrit van detto Gherardo delle notti   (Utrecht 1590 - 1656) Titolo: Concerto (il furto dell'amuleto) Datazione: 1621 Supporto : Olio su tela Misure (cm): 168 x 202 Si trova:

IL CONCERTO DI GHERARDO DELLE NOTTI

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Gerrit van Honthorst, Concerto (1621 ca.) - Galleria Borghese - Roma Durante una visita alla Galleria degli Uffizi a Firenze, in una Sala vicino a quella dedicata a Caravaggio, rimasi folgorato dalla bellezza di alcuni dipinti dell'artista olandese Gerrit van Honthorst (Utrecht 1592 - 1656) conosciuto anche con il nome italianizzato Gherardo delle Notti , il quale subì l'influenza di Caravaggio durante la sua formazione in Italia in particolar modo durante la sua permanenza a Roma. Diventò subito un quotato ed importante pittore tanto da ricevere commissioni sia da Vincenzo Giustiniani che dal cardinale Scipione Borghese e proprio nel palazzo romano che fu di quest'ultimo, la Galleria Borghese , è conservata una sua opera dal titolo Concerto realizzata nella seconda metà del suo soggiorno romano che va dal 1610 al 1621. Autore: Gerrit van Honthorst Titolo: Concerto Supporto: Ol

Gerrit van Honthorst detto Gherardo delle Notti, La buona ventura

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Gerrit van Honthorst detto Gherardo delle Notti, La buona ventura (1616-1617) - Galleria degli Uffizi - Firenze Autore: Gherardo delle Notti (Gerrit van Honthorst) (Utrecht 1592 - 1656) Titolo: La buona ventura Datazione: 1616 - 1617 Supporto : Olio su tela Misure (cm): - Si trova: Galleria degli Uffizi Luogo: Firenze

LA LUCE NOTTURNA DI GHERARDO DELLE NOTTI

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by Massimo Gaudio Gherardo delle Notti, Adorazione del Bambino (1619-1620) - Galleria degli Uffizi - Firenze Durante una visita alla Galleria degli Uffizi di Firenze, dopo aver visitato la stanza dedicata a Caravaggio, sono rimasto colpito dalla bellezza dei dipinti di un pittore olandese. Il pittore in questione si chiama Gerard van Honthorst (Utrect 1592 - 1656) , più conosciuto nel nostro Paese come Gherardo delle Notti . Ha soggiornato a Roma all'inizio della sua carriera pittorica per seguire gli artisti più affermati dell'epoca, infatti Caravaggio ha influenzato significativamente il suo modo di dipingere da meritarsi l'appellativo di caravaggista. Il pittore ha utilizzato moltissimo il sistema di illuminazione dei soggetti tipica di Caravaggio e le sue tele ambientate spesso in scenari notturni, venivano illuminate da una luce radente oppure proveniente forse da lampade ad olio poste al centro della scena stessa.