Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta san giovanni in laterano

IL DISEGNO DELLA MADONNA D'ALBA DI RAFFAELLO

Immagine
  L'Arte di fotografare l'Arte © Photo by Massimo Gaudio Raffaello Sanzio, La Madonna d'Alba (1511) Matita e carboncino Una Domenica decido di tornare all' Arcibasilica papale di San Giovanni in Laterano dove non andavo da molto tempo. Decido di visitare il bellissimo C hiostro perché fino a quel momento non avevo avuto modo di andarci. Pago il biglietto e dopo aver fatto pochi passi arrivo nel chiostro, comincio a visitalo con interesse e dopo qualche minuto arrivo davanti la porta del piccolo Museo della Basilica . Entro nell'unica sala mi g uardo intorno ammirando paramenti sacri, arazzi, documenti vari, medaglioni e molto altro, quando ad un certo punto il mio sguardo viene attratto da un disegno all'interno di una teca. Incredulo davanti a me vedo un disegno fatto a matita e carboncino niente di meno da Raffaello Sanzio e non un disegno qualunque, ma addirittura la Madonna d'Alba in aggiunta quadrato; invece la tela che si trova al National Gallery

Chiostro della Basilica Papale di San Giovanni in Laterano

Immagine
L'Arte di fotografare l'Arte © Photo by Massimo Gaudio Il chiostro Nel rione Monti si trova la Basilica Papale di San Giovanni in Laterano e collegato ad essa si trova lo splendido chiostro quadriportico ricostruito nel XIII secolo da Pietro Vassalletto, proveniente dalla celebre famiglia di costruttori e marmorari romani. Portò avanti i lavori sotto due pontificati, quello di Innocenzo III e di Onorio III, ma fu il figlio a portare a termine il lavoro sotto il pontificato di Gregorio IX. Il quadriportico ha cinque grandi archi per lato con cinque archetti a tutto sesto ciascuno, sorretti da colonnine binate sia tortili che a vite e lisce. Alcune di esse sono rivestite in mosaico e tutte sorreggono capitelli diversi ricchi di intagli finemente realizzati. Le volte del quadriportico sono sorrette da colonne antiche con capitelli ionici addossate verso l'interno a pilastri, le quali sostengono il loggiato superiore ad arcate. I passaggi verso l'esterno del chiostro, hanno