Jacopo Robusti detto TINTORETTO, Giuditta e Oloferne

Immagine
   #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Jacopo Robusti detto TINTORETTO e bottega, Giuditta e Oloferne (1577-1578) olio su tela - Museo Nazionale del Prado, Madrid Proveniente dal Museo Nazionale del Prado di Madrid, in questi giorni si trova presso la Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini e vi rimarrà fino al 27 marzo 2022 nell'ambito della mostra Caravaggio e Artemisia: La sfida di Giuditta .  Realizzato dal Tintoretto e dalla sua bottega, si caratterizza per la scelta di una composizione ampia, che permette l'inserimento di un gran numero di tettagli. La scena della storia biblica non si è ancora conlusa: l'elegante Giuditta compie il gesto di nascondere con una coperta il corpo di Oloferne ormai senza vita, mentre la sua ancella non ha ancora terminato di mettere la testa del condottiero Assiro all'interno della bisaccia. Tintoretto inserisce all'interno del dipinto molti particolari con l'intento di coinvolgere l'osservato

GIUDITTA E OLOFERNE

Buongiorno Amici
Un tema che ha affascinato gli artisti di ogni epoca è sicuramente Giuditta e Oloferne. La storia è questa, una giovane e ricca vedova ebrea di nome Giuditta, di notte, approfittando delle tenebre, si introduce nella tenda dove dormiva un generale di Nabucodonosor re degli Assiri di nome Oloferne che assediava la sua città e gli taglia la testa. L'accompagna la serva che ha il compito di raccogliere la testa Oloferne per portarla con se nella propria città come incoraggiamento per combattere il nemico. Alcuni artisti come per esempio Caravaggio o Artemisia Gentileschi hanno raccontato con il pennello il momento critico del distacco della testa, c'è chi quel momento lo ha voluto raccontare nelle fasi successive e c'è chi invece ha preferito raccontarlo mentre Giuditta, fiera di quanto appena fatto, mostra la testa del nemico.
Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO, Giuditta e Oloferne (1599) - Palazzo Barberini - Roma



Autore: Michelangelo Merisi detto Caravaggio ( Milano 1571 - Porto Ercole 1610)
Titolo: Giuditta e Oloferne
Datazione: 1599 ca.
Supporto: Olio su tela
Misure (cm): 145 x 195
Si trova: Galleria Nazionale d'Arte Antica, Palazzo Barberini
Luogo: Roma

Francesco Furini, Giuditta e Oloferne (1630-1635) - Palazzo Barberini - Roma



Autore:           Francesco Furini (Firenze 1603 - 1643)
Titolo:             Giuditta e Oloferne
Datazione:     1630 - 1635
Supporto:       Olio su tela
Misure (cm):  116 x 151
Si trova:         Galleria Nazionale d'Arte Antica, Palazzo Barberini
Luogo:           Roma

Cristofano Allori, Giuditta con la testa di Oloferne (XVII sec.) - Musei Vaticani, Pinacoteca - Città del Vaticano


Autore:           Cristofano Allori (Firenze 1577 - 1621)
Titolo:             Giuditta con la testa di Oloferne
Datazione:     1610 - 1620
Supporto:       Olio su tela
Misure (cm): 140 x 115 ca.
Si trova: Musei Vaticani, Pinacoteca
Luogo: Città del Vaticano


A seguire troverete ulteriori opere inerenti a Giuditta e Oloferne esposte nei musei di Roma e Firenze.
Galleria Borghese - Roma

Giovanni Baglione, Giuditta con la testa di Oloferne (1608) - Galleria Borghese - Roma


Musei Capitolini, Pinacoteca - Roma

Girolamo de' Sellari, Giuditta - Musei Capitolini, Pinacoteca - Roma
Carlo Maratta, Giuditta - Copia da guido Reni - Musei Capitolini, Pinacoteca - Roma
Galleria Nazionale d'Arte Antica, Galleria Corsini - Roma
Giovan Battista Piazzetta, Giuditta e Oloferne - Galleria Corsini - Roma
Gerard Seghers, Giuditta con la testa di Oloferne - Galleria Corsini - Roma
Galleria degli Uffizi
Artemisia Gentilechi, Giuditta decapita Oloferne - Galleria degli Uffizi - Firenze
Palazzo Vecchio - Firenze
Donatello, Giuditta e Oloferne (1482-85) - Palazzo Vecchio - Firenze

Commenti

Post popolari in questo blog

LA STANZA DELL'INCENDIO DI BORGO DI RAFFAELLO AI MUSEI VATICANI

I PUGILATORI CREUGANTE E DAMOSSENO DI ANTONIO CANOVA